PER DS TECHEETAH TUTTE LE STRADE PORTANO A ROMA

0
626

La pista romana, inaugurata la scorsa stagione, aveva visto André Lotterer a un soffio dal gradino più alto del podio. Per la settima prova del calendario 2018/2019 del Campionato di Formula E FIA ABB, André e il vincitore dell’E-Prix di Sanya Jean-Éric Vergne puntano quindi al successo pieno nella capitale italiana.

Il tracciato di 21 curve e 2.870 metri, situato nel quartiere Eur, gira in senso antiorario e presenta alcuni dei maggiori dislivelli della stagione.

Mark Preston, Team Principal  DS TECHEETAH: «Non vediamo l’ora di tornare in pista a Roma, che l’anno scorso ci aveva regalato una bella gara. Il tracciato è fantastico e dopo le gare in Asia possiamo dire che siamo di nuovo in gioco. André e Jean-Éric sono al meglio della forma.

Per preparare questo E-Prix abbiamo potuto lavorare a Versailles. Il morale del team è alto. Non è mai stato facile abbinare due team di punta come abbiamo fatto quest’anno, ma lavoriamo sempre meglio insieme man mano che passano le settimane. L’alleanza è forte e questa combinazione di performance e tecnologia di avanguardia comincia a dare i suoi frutti. »

Xavier Mestelan Pinon, Direttore di DS: «L’E-Prix di Roma segna la boa di metà stagione e l’inizio del tour europeo, con gare che si susseguono con un ritmo frenetico. Siamo in lizza per i titoli, sia piloti sia team. In questa fase anche un punto è indispensabile, considerato il livello eccezionale di questo campionato. Noi abbiamo usato tutti i mezzi a disposizione per proseguire sull’onda del successo di Sanya. Roma è una tappa importante per DS Performance. Questo tracciato aveva sancito il trionfo della nostra tecnologia la scorsa stagione, e quest’anno festeggia la 50ª gara di Jean-Éric Vergne, ambasciatore E-TENSE per DS Automobiles. »

Jean-Éric Vergne: «Salire sul più alto gradino del podio a Sanya è stato un momento di grande felicità e un risultato a cui, sin dall’inizio della stagione, ci eravamo avvicinati a più riprese.


 

Aver centrato l’obiettivo ci regala grande fiducia. La gara non è solo uno sforzo fisico, ma prevede anche una dimensione mentale, e spesso è difficile riuscire a conservare lo stesso impegno quando i risultati sperati non arrivano. Ho la fortuna di lavorare insieme a un team molto forte e compatto, che ha continuato ad andare avanti. Appuntamento a Roma quindi!»

André Lotterer: «A Roma avevo conquistato un bel podio, con belle prestazioni. Sono felice di tornare in Italia. Come pilota si cerca sempre di migliorare e per me non c’è altro modo che ripartire con il trofeo del vincitore in tasca! La pista è divertente, con un passaggio da non perdere all’uscita della Curva 6, dopo la zona dell’Attack Mode. Le monoposto si alzeranno da terra all’inizio del rettilineo. Con una competizione così agguerrita come è quella di quest’anno, sarà un passaggio da non perdere. »